MILANO – Arrivano segnali di miglioramento dal mercato del lavoro nel primo trimestre. Secondo i dati diffusi dall’Istat nei primi tre mesi dell’anno è tornato a crescere il numeri di occupati è tornato a salire dopo due trimestre consecutivi, registrando 25 mila posti in più. L’aumento – sottolinea l’istituto – è il risultato della crescita dei dipendenti permanenti (+47 mila, +0,3%) e degli indipendenti (+7 mila, +0,1%) a fronte di una flessione dei dipendenti a termine (-29 mila, -1,0%). A livello tendenziale, cioè rispetto allo stesso periodo dell’anno passato, si riscontra una crescita di 144 mila occupati (+0,6% in un anno).

In lieve calo il tasso di disoccupazione,  il numero delle persone senza un impiego ma impegnati a cercarlo sul totale della forza lavoro, che scende  al 10,4% (-0,2 punti).  ll tasso di occupazione sale al 58,7%, il numero delle persone con un lavoro sul totale della popolazione di riferimento,  sintesi dell’aumento per le donne (+0,3 punti) e della stabilità per gli uomini; alla crescita del Nord (+0,4 punti) si contrappone la diminuzione nel Centro e nel Mezzogiorno (-0,1 punti in entrambi i casi).

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica



http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml