ALCUNE tastiere scaricate dagli utenti possono accedere ai dati su iPhone e iPad. A lanciare l’allarme è la stessa Apple, avvertendo che un bug di iOS 13 e iPadOS mette potenzialmente a rischio la privacy. Si tratta di keyboards di terze parti, disponibili sullo Store, che con la nuova versione del software della Mela rilasciato lunedì scorso hanno accesso completo al sistema, anche quando vengono disattivate nelle impostazioni (Generali>Tastiera>Tastiere).

Tra le tastiere più scaricate ci sono, ad esempio, Gboard di Google, SwiftKey di Microsoft e Grammarly. Facile che chi le ha già scaricate abbia permesso l’accesso come spesso richiesto per offrire funzionalità aggiuntive, ad esempio i dizionari o le Gif. Il problema potrebbe verificarsi con iPhone, iPad e iPod Touch.

Ma la soluzione è dietro l’angolo, fa sapere l’azienda di Cupertino. La versione 13.2 di iOS è già in fase di beta testing e la cosiddetta patch (la risoluzione del problema) verrà rilasciata con l’aggiornamento che sarà disponibile nel giro di una settimana.


“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA



Source link