MILANO – Ore 9.10. Le Borse europee si preparano a una ripartenza positiva, in scia alla buona seduta messo a segno venerdì da Wall Street, incoraggiata a sua volta dai nuovi segnali di ottimismo rilanciati da Donald Trump sul fronte della disputa commerciale con la Cina. Indicazioni incoraggianti sono arrivati già in mattinata dai listini asiatici, che procedono verso la chiusura tutti in buon rialzo. Milano parte bene e sale dell’1,07% in avvio. Ben intonate anche le altre piazze del Vecchio Continente: Francoforte cresce dello 0,94% e Parigi dello 0,9%.

L’attenzione degli investitori è però in parte concentrata sul meeting di Jackson Hole, in programma da giovedì, dove sono attesi gli interventi del numero uno della Fed Jerome Powell e del presidente della Bce Mario Draghi. Intanto i rendimenti dei Treasuries decennali continuano a salire dopo che la scorsa settimana per la prima volta i tassi sui bond a dieci anni si erano posizionati sotto i titoli biennali. Ad oggi i bond a 10 anni rendono l’1,57% contro l’1,47% di quelli a due anni.

Alla vigilia della giornata decisiva per il governo, con le comunicazioni al Senato del presidente Giuseppe Conte, lo spread è in lieve calo a 204 punti con il rendimento del titolo decennale all’1,34%. In rialzo l’euro, con la moneta europea passa di mano a 1,1091 dollari e avanza a 118,01 yen.

Tra i dati macroeconomici spicca l’ottavo calo consecutivo per l’export giapponese, sceso dell’1,6% annuale a luglio a causa dell frenata degli scambi in Asia e del crollo delle vendite in Cina. Un dato comunque “migliore” delle attese, con gli analisti che si aspettavano una discesa del 2,2%.

Il prezzo del petrolio Wti sale a 55,40 dollari al barile (+1%) dopo l’attacco di un drone a un campo petrolifero in Arabia Saudita. Le tensioni in Medio Oriente spingono anche le quotazioni del Brent che, con un guadagno dell’1,1%, si portano a 59,3 dollari al barile.

 

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo VerdelliABBONATI A REPUBBLICA



http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml