MILANO –  Il lavoro c’è e ci sarà, ma mancano i lavoratori. È questo il giudizio dell’ad di Financantieri Giuseppe Bono: “Nei prossimi due o tre anni avremo bisogno di 5-6 mila lavoratori ma non so dove andarli a trovare…Carpentieri, saldatori… Abbiamo lavoro per 10 anni e cresciamo ad un ritmo del 10% ma sembra che i giovani abbiano perso la voglia di lavorare”, ha detto nel corso di una tavola rotonda dedicata al lavora che cambia alla conferenza di organizzazione della Cisl. “D’altra parte – ha proseguito -, se uno si accontenta di fare il rider a 500/600 euro… Da noi un lavoratore medio prende 1600 euro: purtroppo mi sembra che abbiamo su questo cambiato cultura”.

“Sento parlare tanto di lavoro , crescita, infrastrutture, porti, autostrade e aeroporti… e penso che noi fra un pò di tempo avremo più università che laureati, più porti che navi, più aeroporti che passeggeri”, ha detto ancora Bono. “Questi sono gli sprechi del paese: vogliamo tutto ma vogliamo che lo facciano gli altri”, ha concluso criticando anche il sindacato responsabile di “un appiattimento generalizzato: non posso pagare un saldatore come un magazziniere, lo dovrei pagare come un ingegnere e invece no”.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica



http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml