Si è svolto a Roma presso l’Hotel Savoy l’incontro tra i professionisti dell’industria finanziaria e le controparti istituzionali nell’evento “Mifid II a year after”. L’evento era  patrocinato dalla CFA Society Italy che rappresenta in Italia 500 professionisti certificati appartenenti al network del CFA Instiute con oltre 150 mila soci nel mondo. Nell’incontro sono stati presentati gli effetti che la nuova normativa Mifid II sta avendo sugli asset manager e sugli intermediari evidenziandone l’impatto sui clienti finali sia del segmento private che retail.
 
Tra i relatori dell’evento,  Martina Tambucci, esperta di regolamentazione, che ha ricordato come la nuova normativa ha segnato un netto innalzamento dei livelli di tutela per gli investitori assieme a un forte miglioramento della trasparenza, mentre le sfide per il futuro rimangono ancora importanti dati il futuro passo verso la capital market union.
 
All’incontro hanno partecipato, in una tavola rotonda, anche professionisti del settore finanziario fra cui Enrico Scandurra di Epiro, responsabile dell’Investment Solutions Desk di BNL, insieme ad Anna Procopio ad di Spafid Family e Saverio Scelzi ad di Copernico Sim. “L’adeguamento dell’assetto organizzativo all’evoluzione del nuovo quadro normativo – ha evidenziato Scandurra – ha comportato un forte commitment da parte di tutto il top management della banca, in termini di  sviluppo delle infrastrutture tecnologiche, di adeguamenti organizzativi e di formazione del personale, con l’obiettivo di ripensare il modello organizzativo e di business e al fine di accrescere il livello di tutela degli investitori”.

A un anno dall’entrata in vigore della nuova normativa, il manager di Bnl ha sottolineato come: “L’accresciuta attenzione del legislatore all’aumento della trasparenza sui costi abbia stimolato una competizione tra gli intermediari sempre più orientata verso l’aumento della qualità, attraverso l’erogazione di servizi a valore aggiunto ancor più aderenti ai bisogni della clientela. In tale contesto la Banca ha deciso di sviluppare per il mercato Retail, in ambito Investimenti, nuovi “modelli di offerta per la clientela individuals” lasciando al Cliente la scelta del modello più aderente alle proprie esigenze di investimento e alle individuali necessità di relazione e interazione con la Banca. La presenza di strutture specializzate come l’Investment Solutions Desk fa parte di un modello a supporto dei nostri consulenti sia nella fase di preparazione degli incontri che negli incontri stessi con la clientela, anche mediante l’utilizzo di nuove tecnologie a distanza, nell’ottica della migliore combinazione di rischio/rendimento”.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica



http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml