Gentile lettore,
il preavviso contrattualmente previsto può anche essere oggetto di rinuncia ed essere trattenuto (nel caso di dimissioni) dalla retribuzione e dalle spettanze di fine rapporto. Durante i tre mesi di finestra (gennaio-marzo) lei potrà lavorare o, ancora, vedersi trattenuto il preavviso. La domanda di pensione può essere fatta indifferentemente durante o alla fine del preavviso e la pensione decorrerà comunque alla fine della finestra a condizione che sia stata presentata la domanda di pensione e che sia cessato il rapporto di lavoro dipendente.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica



http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml