MILANO – Il Giappone torna ad essere il primo detentore straniero di titoli del debito pubblico americano. Secondo i dati diffusi ieri dal Tesoro Usa, Tokyo si è riguadagnata la vetta dopo oltre due anni, con oltre 1.120 miliardi di dollari di obbligazioni nel proprio portafogli. Nello stesso mese le riserve cinesi di T-bond sono salite di 2 miliardi di dollari a 1.110 miliardi di dollari. Il Giappone aveva già superato la Cina come primo creditore estero Usa nel 2017, ma poi Pechino le aveva tolto il primato, fino allo scorso mese di giugno.

In totale in mani straniere ci sono 6636 miliardi di dollari, poco più di un quarto del totale del debito totale Usa, pari a circa 22 mila miliardi di dollari. Dopo Giappone e Cina in classifica figurano RegnoUnito (341,1 miliardi), Brasile (311,7) e Irlanda (262,1). Lontana l’Italia, al ventiseisimo posto, con 45,4 miliardi.

 

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo VerdelliABBONATI A REPUBBLICA



http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml