MILANO – Fca strappa in Borsa dopo la pubblicazione dei dati trimestrali.

SEGUI IL TITOLO IN DIRETTA

I ricavi netti si sono contratti del 3% a 26,7 miliardi, nello stesso periodo. Le consegne sono state pari a 1.157.000 veicoli, in flessione dell’11%. Fiat Chrysler ha registrato un utile netto delle operazioni continuative in aumento del 14% a 793 milioni di euro, nel secondo trimestre dell’anno. Migliorata la marginalità: l’ebit adjusted (margine operativo netto senza fattori straordinari) è stabile a 1,527 miliardi, con il margine al 5,7%, in rialzo di 10 punti base. L’utile netto adjusted del periodo è salito del 2% a 928 milioni.

“Sulla base dei forti risultati del secondo trimestre e delle iniziative attuate per mantenere questo slancio positivo, restiamo fiduciosi sul raggiungimento dei nostri obiettivi per il 2019”, ha commentato l’amministratore delegato di Fca, Mike Manley. “Continua – prosegue Manley – la forte performance in Nord America e in Latam. La robusta domanda per i nostri nuovi prodotti ed i passi compiuti per gestire con disciplina le nostre attività hanno generato la spinta per conseguire i target del 2019”.

Dopo il brusco ribasso delle sedute precedenti, alimentato per lo più dalle tensioni tra Usa e Cina sul commercio, proprio la conferma dei target per l’anno in corso ha fatto ritrovare slancio al titolo: gli analisti attendevano una revisione al ribasso. Invece Fca conferma i target 2019: ebit adjusted (margine operativo al netto delle voci straordinarie) superiore a 6,7 miliardi di euro e free cash flow industriale a più di 1,5 miliardi, più basso rispetto al 2018.

 

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica



http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml