ROMA – Una sentenza di 63 pagine, che accerta un abuso di posizione dominante ad opera di Ferrovie dello Stato, della sua società controllata Rete Ferroviaria Italiana (che gestisce i binari) e dell’altra sua controllata Trenitalia (che vende invece il servizio di trasporto).

Eppure, dopo un’indagine durata ben 14 mesi, l’Autorità Antitrust – garante della concorrenza – decide una multa davvero simbolica: parliamo di 1000 euro. Le tre società colpevoli dell’abuso (Ferrovie dello Stato, Rete Ferroviaria Italiana e Trenitalia) potranno pagarla “in solido”. Il che vuol dire 333 euro a testa. Un caffè al giorno per un anno.

A marzo del 2018, la società “Arriva Italia Rail” – che ha in mano il 5% del trasporto ferroviario del nostro Paese, proprietà del gruppo tedesco Deutsche Bahn – presenta un esposto all’Antitrust.

Nell’esposto, “Arriva Italia Rail” segnala una delibera della Regione Veneto che – a gennaio del 2018 – assegna a Trenitalia la gestione del trasporto passeggeri regionale e locale. Una assegnazione diretta e senza gara (da cui sono escluse solo tre collegamenti: Adria-Mestre, Rovigo-Chioggia e Rovigo-Verona). Un’assegnazione molto lunga, che durerà ben 15 anni (dal 2018 al 2023).

“Arriva Italia Rail” sostiene che Trenitalia si aggiudica il trasporto regionale e locale in Veneto perché ha potuto offrire qualcosa in cambio alla Regione. Rete Ferroviaria Italiana – società consorella di Trenitalia, entrambe sono proprietà di Fs – si è impegnata a fare degli importanti lavori, soprattutto lungo le linee pedemontane e nel bellunese. Parliamo di lavori di elettrificazione delle linee.

Ora, “Arriva Italia Rail” spiega che le regole nazionali ed europee vietano a una società che gestisce i binari e peraltro in via esclusiva (come Rete Ferroviaria Italiana) di aiutare una società che offre il servizio come è Trenitalia, soprattutto quando la proprietà delle due società è la stessa.

L’analisi dell’Antitrust è attenta e sottolinea, intanto, che il Regolamento comunitario del 2007 non proibisce l’assegnazione diretta di un servizio. E prevede che questa assegnazione possa durare a lungo, fino a 15 anni, nel caso l’assegnatario del servizio (Trenitalia, nel caso specifico) porti in dote “beni di entità significativa” e investimenti importanti.  

Tutto regolare, dunque? L’Antitrust, in verità, vede anche delle criticità importanti nella situazione veneta. In particolare, accerta che:
– Trenitalia e Rete Ferroviaria Italiana hanno fatto davvero gioco di squadra;
– continue riunioni e scambi di e-mail tra dirigenti delle due aziende hanno permesso di mettere a punto una strategia comune;
– la casa madre Ferrovie dello Stato ha svolto un’attività di guida verso Trenitalia e Rete Ferroviaria Italiana in Veneto;
– anche Ferrovie dello Stato è responsabile, proprio in ragione di questa sua attività di “indirizzo e gestione”.
 
Il punto, dunque, è questo. Effettivamente il concorrente “Arriva Italia Rail” viene danneggiato e risulta escluso dalla partita veneta perché Fs può contare su una posizione di forza e privilegio. Le sue società – Trenitalia e Rete Ferroviaria Italiana – gestiscono una il servizio e l’altra la rete; e proprio per questo hanno abusato della loro posizione dominante tagliando fuori “Arriva Italia Rail” dal ricco mercato del trasporto locale e regionale, in Veneto. 

Alla fine di questa lunga istruttoria dell’Antitrust, ti aspetteresti una sanzione comunque energica nei confronti delle tre società italiane. La sanzione, quella arriva. Ma è lieve come una piuma: solo 1000 euro. Per le tre società anche l’invito, paterno, ad “astenersi in futuro dal porre in essere le condotte contestate”. 

L’Antitrust motiva la sua indulgenza alla fine della sua pronuncia. Le tre aziende – spiega – comunque garantiranno un “miglioramento infrastrutturale della rete in termini di innovazione tecnologica”. Questo, per effetto della elettrificazione delle linee attesa da anni che restituirà, tra le altre cose, collegamenti diretti da Belluno a Padova e Venezia; e che valorizzerà il Bellunese anche in vista dei Campionati mondiali di sci alpino del 2021, a Cortina.



http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml