ANCONA. Sedici anni in primo grado all’untore dell’Hiv. Claudio Pinti, 35enne ex autotrasportatore di Montecarotto (Ancona), accusato di lesioni gravissime e omicidio volontario perché avrebbe consapevolmente contagiato l’allora compagna, poi morta nel giugno 2017, e trasmesso l’Hiv a una 40enne con cui aveva una relazione, è stato condannato a 16 anni e 8 mesi. Ma le segnalazioni di contagi sono state centinaia e le richieste di risarcimento danni ammontano a 7 milioni di euro. Pinti ha sempre sostenuto che l’Hiv non esiste.

La sentenza è stata emessa con rito abbreviato dal gup Paola Moscaroli. La difesa dell’imputato, detenuto ricoverato in ospedale e scortato in aula dalla penitenziaria, valuterà il ricorso in appello.

Claudio Pinti, che già nei mesi scorsi era stato visto sofferente, sarebbe ricoverato già da fine dicembre in un ospedale di Viterbo dove sarebbe stato portato dal carcere a seguito dell’aggravarsi delle sue condizioni.
 


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica



Source link