ROMA – Il 2020 ormai è alle porte, ma gli obiettivi della strategia Ue per la crescita sono lontanissimi. E quello sul lavoro in particolare non potrebbe essere più lontano: l’Italia ha raggiunto appena un tasso di occupazione del 63 per cento, e diventa davvero improbabile che arrivi in pochi mesi al 67 per cento fissato da Bruxelles. Tasso che comunque, ammesso che riuscissimo a raggiungerlo, ci lascerebbe comunque distanti dagli altri Paesi: già nel 2017 la media Ue era al 72,2 per cento, e anche se l’obiettivo del 75 per cento per il 2020 non verrà raggiunto, l’Italia rimarrà comunque fanalino di coda, ultimo Paese europeo per l’occupazione, seguito solo dalla Grecia che sfiora appena il 58 per cento.

A fare il punto sul lavoro è la Fondazione OpenPolis, che seguendo il proprio motto “Numeri alla mano” ha appena pubblicato un rapporto che mette a confronto anche le profonde differenze regionali, che rendono la situazione italiana ancora più problematica. I punti di differenza tra il tasso di occupazione della provincia di Bolzano e quello della Regione Sicilia sono 35: un abisso tra il 79 per cento di una delle aree più progredite del Nord e il 44 per cento della Regione più meridionale d’Italia. La classifica ripercorre fedelmente la geografia della penisola: seguono Campania, Calabria, Puglia, Basilicata, fino ad arrivare al Lazio e alle Regioni del Centro che mostrano tassi di occupazione medi, di poco superiori al 60 per cento, per poi arrivare al Nord che, a partire dal Piemonte, mostra tutti tassi superiori al 70 per cento.

Italia ultima per occupazione, gli obiettivi Ue 2020 sono lontanissimi

Due Italia, anche lontanissime, quella degli uomini e quella delle donne. Ci sono 28 punti di differenza tra il tasso di occupazione maschile e quello femminile, nonostante la situazione delle donne sia migliorata, e il tasso, rimasto a lungo sotto il 50 per cento, adesso abbia finalmente sfondato quello che sembrava un traguardo fin troppo ambizioso. A seguire l’Italia, come sempre, la Grecia. Prima c’era Malta: è un primato negativo del Sud dell’Europa quello di negare opportunità alle donne, e ai giovani. L’Italia mantiene anche il primato negativo della disoccupazione giovanile: la percentuale dei giovani occupati raggiunge appena il 42,7 per cento, anche stavolta ci segue la Grecia ma invece Malta mostra un andamento del tutto diverso, è in cima alla classifica Ue per giovani occupati con un tasso record del 78,5 per cento, superiore persino al 76,5 dell’Olanda e del Regno Unito.

Italia ultima per occupazione, gli obiettivi Ue 2020 sono lontanissimi

I Neet italiani, cioè i giovani che non lavorano, non studiano e non sono impegnati in percorsi di formazione, sono il 23,4 per cento della fascia di riferimento (13,4 per cento la media Ue). E per divario tra tasso di occupazione dei giovani l’Italia stavolta non è penultima, è ultima, con quasi dieci punti di differenza.

Poca occupazione, e di scarsa qualità. Neanche questo sfugge all’analisi di OpenPolis, e del resto l’aumento del precariato, dei lavoratori a rischio di povertà emerge da tempo da tutti i dati disponibili sul mercato del lavoro, da quelli dell’Istat a quelli dell’Inps a quelli del ministero del Lavoro. Se in Europa la percentuale dei lavoratori a rischio di povertà è del 9,4 per cento, in Italia arriva al 12,3. Per occupati con contratto a termine siamo al quinto posto con un tasso del 17,6 per cento, nel Regno Unito è del 4,8, in Bulgaria del 4,7. Molti parametri negli ultimi anni hanno mostrato segni di peggioramento: quello che preoccupa di più è il divario tra Nord e Sud, che si sta ampliando.



http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml