MILANO – “Contenuto aumento dell’occupazione” nel primo trimestre dell’anno, sia rispetto al periodo precedente che nel confronto con l’inizio del 2018. E’ quello tratteggiato dalla nota trimestrale congiunta di Istat, Ministero del Lavoro, Inps, Inail e Anpal sulle tendenze dell’occupazione relativa al primo trimestre 2019.

Con il decreto Dignità in pieno vigore (dal luglio scorso, poi in autunno è finita la fase transitoria), nel trimestre spicca il numero di trasformazioni di contratti da livello determinato a livello indeterminato. “La crescita congiunturale delle posizioni lavorative dipendenti sulla base delle comunicazioni obbligatorie, precisa la nota, riguarda le posizioni a tempo indeterminato (+207 mila) mentre quelle a tempo determinato subiscono una riduzione (-69 mila)”.

Proprio le trasformazioni a tempo indeterminato (+223 mila, +55%) giocano un ruolo fondamentale nel trend: raggiungono il livello massimo della serie storica “contribuendo in modo complementare ad accrescere il numero di posizioni a tempo indeterminato e a diminuire quello delle posizioni a termine, in calo per la prima volta dal secondo trimestre 2016”. L’incidenza delle trasformazioni sul totale degli ingressi a tempo indeterminato (attivazioni e trasformazioni) raggiunge il 28,5% con un incremento di 6,5 punti percentuali rispetto al trimestre precedente.

Nel complesso, come accennato, continua a crescere nel primo trimestre l’occupazione anche se in modo più contenuto: ha mostrato un rialzo dello 0,6% (+144 mila occupati) rispetto al primo trimestre del 2018 e dello 0,1% (+25 mila) rispetto al quarto dell’anno scorso. L’occupazione dipendente si conferma in crescita in termini sia di occupati (+0,5%) sia di posizioni lavorative riferite ai settori dell’industria e dei servizi (+1,7%). Nel primo trimestre 2019 le attivazioni sono state 2 milioni 580 mila e le cessazioni 2 milioni 443 mila, determinando un saldo positivo di 138 mila posizioni di lavoro dipendente. Il lavoro indipendente mostra una crescita sia congiunturale (+7 mila occupati, +0,1%), dopo un calo quasi ininterrotto dal primo trimestre 2017, sia su base annua (+52 mila occupati, +1,0%) per il quarto trimestre consecutivo. A inizio anno, si ricorderà, sono intervenute le nuove agevolazioni fiscali per le partite Iva. Le posizioni lavorative dipendenti, nei dati destagionalizzati, presentano un incremento congiunturale.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica



http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml