Mi sembra di capire che l’utente ha già una linea con Fastweb, immagino Adsl o Vdsl2, ma voleva passare alla fibra completa. Salvo poi scoprire di essere coperta da Tim con la fibra e non da Fastweb. Gli operatori sono obbligati a fare andare via il cliente entro 30 giorni e si applicano anche indennizzi a suo favore in caso di ritardi, credo dovuti a un pasticcio tecnico con il codice di migrazione. Attivare la linea con un nuovo intestatario è comodo per Tim, ma poco lineare per l’utente, che si troverebbe così due contratti attivi da pagare. L’utente può mandare un reclamo a Fastweb chiedendo di far procedere il cambio operatore e indennizzi per i ritardi oltre i 30 giorni (che scattano dalla data di richiesta della linea a Tim).

Fastweb dovrebbe fare così uno sforzo in più per liberare la linea. Fa sorridere quel “Potrò mai cambiare gestore o resterò legata per sempre a Fastweb?”. Manco fosse una condanna. Ma i disservizi persistenti degli operatori possono indurci a simile rassegnazione.
 

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica



http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml