L’imprenditore pugliese, Francesco Casillo, aggiunge un nuovo tassello all’inchiesta della procura di Lecce che ha portato in carcere i due ex magistrati di Trani Michele Nardi e Antonio Savasta, accusati di corruzione in atti giudiziari.

rep

Casillo, come rivelato da Repubblica,  nei giorni scorsi ha raccontato alla procura di Lecce di aver pagato attraverso un intermediario i due magistrati che avevano fatto arrestare lui e i suoi tre fratelli nell’ambito di alcune indagini sulla loro attività imprenditoriale. Casillo – secondo quanto riferisce lo stesso imprenditore in un’intervista al quotidiano – avrebbe pagato complessivamente 550mila euro ottenendo, ad ogni versamento, la scarcerazione di un fratello.

Casillo, grosso importatore di grano, era stato arrestato nel 2006 nell’ambito di una indagine condotta da Savasta (Nardi era il gip che convalidò l’arresto) con l’accusa di aver comprato grano contaminato da sostanze cancerogene. La vicenda ebbe una risonanza nazionale e l’imprenditore fu poi assolto dalle accuse nel processo. I suoi fratelli furono arrestati per un’altra inchiesta, riguardante alcuni terreni sequestrati per reati ambientali.

L’imprenditore ricorda che, dopo il sequestro dei terreni, fu avvicinato da una persona legata ai due magistrati che gli suggerì di nominare un determinato avvocato, ma lui rifiutò. Successivamente la procura di Trani fece sequestrare un carico di grano che Casillo e altri sei imprenditori avevano comprato dal Canada, ritenendolo tossico. “Un mio collega – sottolinea l’imprenditore – mi disse ‘ce l’hanno con te. Ti conviene andare da questo avvocatò”.

Dopo qualche giorno Casillo fu arrestato e il pomeriggio, ricorda l’imprenditore, un amico di famiglia fu avvicinato da “emissari dei magistrati che – racconta Casillo – gli dicono: domani arresteranno i due fratelli e la sorella di Francesco Casillo per un’altra inchiesta, quella sui terreni”. L’indicazione è sempre la stessa, “Andate da questi due avvocati”. Il giorno dopo, infatti – racconta ancora l’imprenditore – i tre fratelli furono arrestati e l’amico di famiglia corse da uno dei legali indicati il quale gli disse: “Costo un milione di euro: 250mila a fratello”.

Casillo spiega che il legale non disse mai chiaramente che i soldi sarebbero arrivati ai due magistrati. L’amico di famiglia, allora, chiese una prova che, pagando, gli arrestati sarebbero stati liberati. “Come in un sequestro”, spiega l’imprenditore ricordando che sua sorella, dopo poche ore dall’arresto, fu scarcerata. Alla fine, secondo quanto riferito da Casillo, fu contrattato il pagamento di 400mila euro a nero, più 150mila euro fatturati.

“E a ogni versamento, dopo poche ore – conclude l’imprenditore – tiravano fuori un fratello”. Quando si andò avanti col procedimento penale, Casillo racconta che il suo avvocato (che non sapeva niente del pregresso), gli disse che Savasta gli aveva suggerito di chiedere il patteggiamento. “Io ero innocente – racconta Casillo – rischiavo 12 anni di carcere ma firmai un patteggiamento per 3mila euro di multa”. “Savasta tenne l’accordo nel cassetto per due anni, ma poi il giudice lo rifiutò: se davvero avevo avvelenato mezzo paese, scrisse il magistrato, come potevo cavarmela così?”. Quindi si celebrò il processo ordinario e Casillo venne assolto.



Source link