MILANO – Prende forma la corsa verso la selezione dei 3000 navigator che dovranno aiutare una parte dei percettori del reddito di cittadinanza a trovare un impiego. L’Anpal ha pubblicato oggi sul proprio sito l’avviso con le istruzioni per l’accesso. Gli incarichi di collaborazione dureranno fino ad aprile 2021 ed è previsto un compenso di  27.338,76 euro lordi annui, oltre a 300 euro lordi mensili a titolo di rimborso forfettario delle spese per l’espletamento dell’incarico. Il termine per la presentazione delle domande è fissato all’8 maggio.

I requisiti per diventare navigator

L’avviso delinea tutti i requisiti per accedere alla selezione. I candidati dovranno essere in possesso di una laurea magistrale nelle discipline elencate nel bando (tra queste economia, scienze poltica, sociologia e psicologia), la cittadinanza italiana o di un Paese Ue o il regolare permesso di soggiorno, il godimento dei diritti civili e politici, l’assenza di condanne penali, anche con sentenze non definitive, per reati come truffa, corruzione, terrorismo, riciclaggio e altri e l’assenza di  “licenziamenti o dispense dall’impiego presso una pubblica amministrazione”.

Modalità di presentazione della domanda per i navigator

La domanda andrà presentata obbligatoriamente sulla sezione dedicata del sito Anpal attraverso attraverso il Pin Inps o lo Spid. Nella domanda deve essere specificata la provincia per la quale ci si intende candidare e non è possibile presentare più di una candidatura.

Modalità di selezione Navigator

Il bando fissa un numero definito di Navigator per ogni provincia. Alla selezione saranno ammessi al massimo 20 candidato per ogni posto ricercato, l’ordine verrà stabilità “in ragione del miglior voto di laurea” e in caso di parità verrà preferito il candidato più giovane di età. La procedura d’esame per i selezionati si svolgerà sulla base di distinte sessioni d’esame “anche al fine di garantire la correttezza e il buon andamento della selezione”. La data e il luogo della prova verrà comunicata contestualmente alla pubblicazione dei candidati ammessi.

Il contenuto della prova

La prova di selezione consiste in un test con domanda a risposta multipla costituito da 100 domande così ripartite: 10 quesiti di cultura generale, 10 quesiti psicoattitudinali, 10 quesiti di logica, 10 quesiti di informatica, 10 quesiti sui modelli e strumenti di intervento di politica del lavoro, 10 quesiti sul reddito di cittadinanza, 10 quesiti sulla disciplina dei contratti di lavoro, 10 quesiti sul sistema di istruzione e formazione, 10 quesiti sulla regolamentazione del mercato del lavoro, 10 quesiti di economia aziendale. Il tempo complessivo a disposizione è di 100 minuti.

Scarica il documento

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica



http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml