I superstiti sono 15, i morti e i dispersi imprecisati. C’è stato un nuovo naufragio questa mattina di fronte alle coste libiche. A darne notizie ufficiale è l’Oim, l’Organizzazione internazionale per le migrazioni che riferisce che un barcone, con un numero imprecisato di persone a bordo, è affondato davanti alla costa di Sabratha.

I superstiti sono stati ricoverati in ospedale in Libia e dalle loro testimonianze gli operatori dell’Oim stanno cercando di capire quale sia l’entità della tragedia. Ma trattandosi di un barcone è presumibile che a bordo i trafficanti abbiano fatto salire ben più di 15 persone.
Ancora incerta anche la dinamica. Il naufragio è avvenuto vicinissimo alla costa e non si sa neanche se ad intervenire sia stata una motovedetta della Guardia costiera o qualche barca di passaggio o se addirittura i 15 superstiti siano riusciti a mettersi in salvo da soli.
L’Oim riferisce che i sopravvissuti ricoverati in ospedale sono in gravi condizioni.

 


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica



Source link