MILANO – Due giorni di sciopero, lunedì e martedì: una prima assoluta per i 4.300 piloti di British Airways che rischia di rovinare i piani di volo di circa 300 mila persone. Una mossa inedita che arriva dopo nove mesi di trattative-scontri sul tema salariale e che di fatto atterra quasi tutta la flotta della compagnia britannica (dovrebbero esser salvi i voli su London City, operati sotto altra insegna). Anche il primo ministro Boris Johnson aveva tentato di riportare tutti al tavolo delle trattative, senza successo: un’altra grana che si aggiunge in un periodo tremendo per l’esecutivo della Brexit dura.

BA, ricorda l’Afp, ha piuttosto alzato il tiro minacciando di eliminare i vantaggi riconosciuti alle famiglie dei piloti in termini di viaggi gratis, se non rientreranno le azioni di sciopero.

La British Airline Pilots Association ha rifiutato una propoosta di incremento dell’11,5 per cento dei salri nell’arco di tre anni, ultima messa sul piatto dalla compagnia a luglio. Secondo la compagnia, così facendo i comandanti arriverebbero a guadagnare 220 mila euro l’anno. Ma per il sindacato il probelma sono i salari di copiloti e dei profili più junior, che restano troppo bassi soprattutto se paragonati ai costi della formazione. E poi l’aumento non sarebbe in linea con affari che sono tornati a viaggiare a gonfie vele, dopo le difficoltà del passato.

La stessa Balpa ha stimato che un giorno di sciopero, con quasi tutti i voli atterrati, costerù alla compagnia circa 40 milioni di sterline. Invece, le differenze tra le richieste si aggirano sui 5 milioni. Se il braccio di ferro dovesse andare avanti, il 27 settembre ci potrebbe esser un altro sciopero e altre manifestazioni potrebbero scattare nel più caldo periodo delle ferie di natale.

La compagnia dal canto suo ha fatto sapere che la grande maggioranza dei viaggiatori coinvolti ha trovato soluzioni alternative o ha incassato i rimborsi, essendo stata avvertita con un mese d’anticipo dei possibili disguidi. Certo è difficile calcolare quanti possano esser coinvolti dallo sciopero, magari come utenti di BA solo per un tratto di un volo internazionale con differenti compagnie.

I voli cancellati nella giornata di lunedì dovrebbero esser circa 850, secondo il Financial Times nell’arco di 48 ore la compagnia muove 1.700 voli.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo VerdelliABBONATI A REPUBBLICA



http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml