UN CONCENTRATO di tecnologia in una action cam compatta e robusta. DJI, leader mondiale nel settore dei droni civili e delle fotocamere aeree, laddove la tecnologia di stabilizzazione delle immagini è un “must”, lancia la sua prima fotocamera sportiva: Osmo Action. L’abbiamo provata in anteprima e la sensazione che ci ha riportato è stata proprio quella di essere strutturata molto bene per lavorare anche nelle condizioni più estreme: oltre alla polvere, resiste a cadute da un’altezza di 1,5 metri, all’acqua potendo operare fino a una profondità di undici metri senza l’ausilio della custodia impermeabile e funziona – assicura DJI – fino a a una temperatura di -10 °C. Osmo Action è ben costruita: materiali resistenti, ottimo grip e design intuitivo. Ha due display a colori, molto luminosi (750 nit) ben visibili anche con luce diretta, sistemati su entrambi i lati: c’è uno schermo tattile posteriore, da 2,25 pollici, forte di un rivestimento anti- impronta e impermeabile, e uno schermo frontale da 1,4 pollici per registrare vlog e scattare selfie. Irrinunciabile.


Robusta e super stabilizzata, DJI Osmo Action è la sorpresa

Poi, nell’uso, si apprezza anche  la qualità dell’immagine 4K. E questo grazie a un’ottima sferica a tre elementi, alla stabilizzazione a tre assi e all’innovativa tecnologia RockSteady che, per la prima volta in una fotocamera portatile, stabilizza elettronicamente le immagini grazie ad algoritmi capaci di tradurre ogni movimento in un’immagine fluida e stabile anche registrando in 4K/60fps (HDR in 4K/30 fps). Il suo sensore 1/2.3” scatta foto da 12 megapixel e registra video in fino a 60fps e 100Mbps. Registrando in 4K a 30 fps con la funzione RockSteady attivata, Osmo Action (che si ricarica con la batteria inserita grazie alla usb-c) offre una durata della batteria fino a 93 minuti, e 135 minuti registrando a 1080/30fps. Le prime volte scalda un po’ quando la si tiene in mano e si gira senza supporto. Ottima la qualità audio con il doppio doppio microfono che consente di interagire con Osmo Action con controllo vocale.


Robusta e super stabilizzata, DJI Osmo Action è la sorpresa

Osmo Action ha tutte le caratteristiche che una Action Camera dovrebbe avere: estrema usabilità della schermo grande, che richiama le diverse impostazioni con fluidi swipe dai quattro lati, accensione e spegnimento istantanei. Pur portandola spesso nella tasca del giaccone, non si è mai accesa né spenta incidentalmente. E poi troviamo lo Slo-mo per i video rallentati( 8X a 1080p/240fps oppure 4X a 1080p/120fps), il timelapse e la possibilità di personalizzare i parametri di esposizione: Naturalmente una sua app, DJI Mimo, che connette la cam al nostro smartphone (Wi-fi o Bluetooth) e dà la possibilità di fare streaming delle immagini, utilizzare software di editing e altro ancora. DJI Osmo Cam è venduta al prezzo di 379 euro, su store.dji.com e in tutti i rivenditori autorizzati.


Robusta e super stabilizzata, DJI Osmo Action è la sorpresa

“Come DJI, che da sempre si è spinta oltre i limiti della tecnologia, anche i creatori di contenuti che amano i nostri prodotti hanno manifestato il desiderio di spingersi oltre i limiti delle proprie possibilità. Osmo Action è la nostra risposta innovativa a quanto ci chiede la nostra comunità creativa: eccezionale qualità e stabilizzazione delle immagini, in una forma unica e durevole, con doppio schermo a colori e l’integrazione di un software dalle prestazioni impeccabili. Osmo Action è il nuovo standard per i creativi che corrono oltre i limiti”, spiega Roger Luo, presidente di DJI. “Dalla ripresa di contenuti aerei con Mavic 2, alle immagini incredibilmente fluide di Osmo Pocket, e ora i filmati adrenalinici di Osmo Action, DJI offre una scelta completa di strumenti adatti a ogni esigenza creativa”. (d.v.)


Robusta e super stabilizzata, DJI Osmo Action è la sorpresa


L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica



Source link