MILANO – Sotheby’s passa di mano e saluta Wall Street. La famosa casa d’aste ha raggiunto un accordo per essere acquisita da BidFair Usa, società interamente controllata dal finanziere e imprenditore Patrick Drahi, per 3,7 miliardi di dollari, o 57 dollari per azione. “Dopo più di 30 anni in Borsa, è il momento giusto per Sotheby’s per tornare privata e continuare sulla strada della crescita e del successo” ha detto Domenico De Sole, presidente del consiglio di amministrazione di Sotheby’s. Il titolo, che con l’acquisizione verà delistato, guadagna oggi a Wall Street oltre il 50%.

“Sotheby’s è uno dei marchi più eleganti del mondo. Come cliente e ammiratore di vecchia data, acquisto Sotheby’s insieme alla mia famiglia” afferma Drahi, il 55enne presidente di Altice Europe, colosso delle telecomunicazioni con oltre 30 milioni di clienti. Appassionato collezionista di arte, Drahi ha una fortuna stimata in 8,6 miliardi di dollari. “Patrick Drahi è uno degli imprenditori più noti al mondo. L’acquisizione offrirà a Sotheby’s l’occasione di accelerare con maggiore flessibilità il programma di iniziative per la crescita avviato negli ultimi anni” mette in evidenza Tad Smith, l’amministratore delegato di Sotheby’s.

 

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica



http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml