I gestori di dueamici.it, un sito di shopping online basato sulla tecnica del buy & share, verranno processati per truffa e associazione a delinquere dopo essere stati arrestati nel dicembre scorso. Già questa, nel mondo delle truffe online in cui i responsabili vengono di rado individuati, è una notizia. Ma c’è di più: le vittime hanno qualche speranza di ricevere un risarcimento, anche se la via potrebbe essere tortuosa. La procura di Nocera Inferiore infatti è riuscita a far scattare un sequestro conservativo prima che le casse della società venissero prosciugate. La cifra congelata è di 95.000 euro.

Dueamici.it, come avevamo scritto agli inizi del 2018 era un sito dove si potevano acquistare oggetti a prezzi stracciati, a patto che altre persone prenotassero lo stesso articolo. Ad esempio, per accaparrarsi un iPhone X a 429 euro bisognava prima versare la cifra, per poi aspettare che altri due utenti facessero la stessa cosa, e così via in progressione geometrica. Il principio era quello delle vendite piramidali: per godere dei benefici, il cliente è spinto a invitarne altri. Ma in questo modo il meccanismo porta verso il collasso: gli ultimi clienti a entrare in lista, infatti, hanno bassissime probabilità di ricevere a casa la merce che hanno pagato, perché nel frattempo la cifra da coprire è diventata troppo alta.

L’associazione di consumatori Aduc, che segnalò il caso ad Antitrust, aveva calcolato in 1,7 milioni di euro il totale del denaro versato dai clienti di dueamici.it in cambio di nulla. Per completare il prezzo dei loro ordini, infatti, altre vittime avrebbero dovuto prenotare merce per circa 5 milioni di euro.

Al momento la Procura di Nocera ha individuato 123 persone offese. “E’ verosimile che quelle siano persone che hanno sporto querela – spiega Emmanuela Bertucci, legale dell’associazione Aduc – ma chiunque sia stato truffato può costituirsi parte civile e cercare di recuperare la cifra perduta”. Più persone lo faranno, più sarà difficile recuperare l’intera somma. “Come sempre accade in questi casi, se le cifre richieste dalle parti civili non satureranno la cifra sequestrata non ci saranno problemi, altrimenti ci saranno rimborsi parziali”.

L’udienza è stata fissata al 10 aprile ma, ricorda l’avvocato Bertucci, “se gli imputati dovessero chiedere il patteggiamento o il rito abbreviato, la data slitterà. Non solo: se i gestori del sito chiedessero il patteggiamento, non ci sarà alcun risarcimento alle parti civili in sede penale”. In quel caso, le vittime dovrebbero percorrere la strada del processo civile.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica



http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml