MILANO – Arrivano anche dal Ministero dello Sviluppo economico delle proposte per lo stabilimento Whirlpool di Napoli. E’ quanto riporta l’Ansa, citando fonti presenti al tavolo in corso al Mise. “Abbiamo fatto i compiti a casa”, avrebbe detto il vicepremier Luigi Di Maio aprendo la riunione e rivolgendosi all’azienda.

Al tavolo tecnico, oltre al ministro e all’azienda, sono presenti le sigle sindacali. Durante la riunione di oggi la multinazionale dovrebbe presentare le opzioni per lo stabilimento di Napoli del quale, il 31 maggio scorso, Whirlpool ne aveva annunciato la cessione del ramo d’azienda con probabile chiusura.

Intanto, Di Maio ha detto al tavolo: “Siamo pronti a supportare l’azienda nell’individuare un’alternativa alla vendita”. Lo strumento sarebbe una norma da approvare nei prossimi giorni che permetterebbe a Whirlpool di avere una decontribuzione per 17milioni di euro nei prossimi 15 mesi, non pagando tasse su contratti di solidarietà.

Oggi, dopo tre incontri al ministero senza nessun esito e due rinvii si attende un passo in avanti nella trattativa. Intanto i 430 lavoratori dello stabilimento di via Argine sono arrivati a Roma e sono in presidio sotto la sede del ministero.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Rep: editoriali, analisi, interviste e reportage.
La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica



http://www.repubblica.it/rss/economia/rss2.0.xml