ROMA – Natale 2020. La data di lancio della nuova console Microsoft, Series X, è stata quindi svelata. L’aspetto? Un monolite nero con all’interno un processore Amd Zen 2 per gestire videogame ad una risoluzione di 4 e 8K. Due volte più potente rispetto alla Xbox One X, sarà anche compatibile con i videogame attuali.

in riproduzione….

“Supponiamo che ogni notte tu sia in grado di sognare qualsiasi sogno tu voglia sognare”. Il video di presentazione è cadenzato da una voce fuoricampo che prende spunto da uno scritto del filosofo inglese Alan Watts, fortemente influenzato da Carl Gustav Jung e dalle religioni orientali, diventato uno dei riferimenti della controcultura anni Sessanta.

Difficile capre dal filmato quanto ci sia di rivoluzionario o trascendente nella prossima macchina di Microsoft. Come del resto fa anche la Sony, di primo acchito sembra ricalcare il classico cliché delle console sempre votate ad una potenza maggiore, ma riproponendo per il resto la formula usuale solo con una grafica più dettagliata e qualche funzione aggiuntiva. Possibile però che a Redmond abbiano in serbo qualche sorpresa.

Allo streaming per ora l’azienda fondata da Bill Gates crede poco, almeno sul fronte dei giochi, benché abbia siglato un accordo con Sony offrendo i suoi servizi cloud per la concorrente PlayStation. Phil Spencer, vice presidente per il gaming alla Microsoft, ha anche chiuso la porta alla realtà virtuale che in effetti sta facendo numeri talmente bassi da poter esser bollata con tranquillità come un mezzo fallimento.   

A proposito di PlayStation, anzi di PlayStation 5: arriverà pure lei entro Natale 2020, sembra il 20 novembre, e avrà caratteristiche simili all’Xbox Series X. Si vocifera di 499 dollari per quel che riguarda il prezzo. Non si sa invece nulla del costo della Serie X.    
  


“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA



Source link